Concorso Nazionale a Premi “PICCOLISSIMO ME. L’emozione di crescere!”

za

 

Concluso con ottimi risultati il Concorso Nazionale a Premi per le Scuole dell’Infanzia e Primarie “PICCOLISSIMO ME. L’emozione di crescere!”
Più di 150 le classi partecipanti, tra scuola dell’infanzia e primaria, distribuite su tutto il territorio nazionale.

E’ stata una bella soddisfazione” commenta la Presidente dell’associazione “vedere l’impegno delle Insegnanti, il coinvolgimento dei bambini e a volte anche quello dei genitori nella realizzazione degli elaborati pervenuti”. “L’apertura dei pacchi voluminosi, che per giorni e giorni sono arrivati nella sede AFaDOC, riempiendola di colore, è stata ogni volta una grande sorpresa; la creatività e la fantasia dei cappelli mi ha molto impressionata. Sono arrivate delle vere opere d’arte, qualcuna rappresentante il territorio di appartenenza come il “Cappello Ulivo” della Puglia o il Cappello HOPE della Sicilia ”, altre molto ingegnose, qualcuna di dimensioni enormi, qualcun’altra addirittura con la possibilità di accendere le luci!

Ogni classe sarebbe stata meritevole di un premio e la selezione per arrivare ai vincitori (uno per sezione) è stata molto difficile, tanto che nella sezione S1 – ARTE FIGURATIVA si è arrivati al compromesso di premiare exaequo 2 classi, proprio per la diversità dei due lavori che non si potevano comparare.

I criteri seguiti per la selezione delle opere sono stati:
1) ATTINENZA al TEMA
2) CREATIVITA’, ORIGINALITA’
3) COINVOLGIMENTO dei BAMBINI
4) ACCURATEZZA nella PRESENTAZIONE

La Giuria, composta da:
Gigliola Alvisi, Scrittrice di Piccolissimo me (per la Narrativa)
Antongionata Ferrari – Illustratore di  Piccolissimo me (per Arte Figurativa)
Marta Bertagna – Disegnatrice (per Arte Figurativa)
Roberta D’Aprile – Psicologa, Psicoterapeuta (per la Narrativa)
Monica Guerra – Psicologa, Consigliere AFaDOC (per la Narrativa)
Elisa Grendene – Tecnico grafico pubblicitario, Artigiano (per il manufatto)
Lucia Bernardis – Artigiano, Consigliere AFaDOC (per il manufatto)
Cinzia Sacchetti – Presidente AFaDOC (supervisore)

dopo ampia discussione ha scelto i seguenti lavori, dando per ciascuno la motivazione.

Per la Sezione S1 – Arte figurativa hanno vinto exaequo:

  • tutte le sezioni della Scuola dell’Infanzia “Cianciusi” di Avezzano (AQ) con il loro
    “CAPPELLO – CALENDARIO”
  • la sezione dei bambini di 3 e 5 anni della Scuola dell’Infanzia “Il Girotondo” di San Prospero (MO) con “IL GENTILOMETRO O MISURATORE DI GENTILEZZA”

Entrambi gli elaborati colpiscono per la loro grande concretezza, che ne consente una fruizione originale e divertente.”

 

Per la Sezione S2 – Narrativa ha vinto:

  • la Classe IV A della Scuola Primaria “Don Guido Cagnola” di Gazzada Schianno (VA) con il racconto “Giuseppe figlio del vento”

E’ un racconto realistico, la storia vera di un bambino con la DSA, che viene accolto nella nuova scuola e grazie allo sport e agli amici riesce a “calmare il vento”. La storia di Giuseppe rispecchia quella di Michelangelo e dei bambini Afadoc: vive la diversità ed è alla continua ricerca di risposte e di una diagnosi. Dovrà cambiare scuola e vari sport prima di trovare l’ambiente giusto per esprimere al meglio le proprie potenzialità. E’ stata molto apprezzata l’immagine del vento come vissuto difficile da verbalizzare.”

 

La Commissione ha dato inoltre quattro menzioni a:

  • IL PULCINO TENERINO della Sezione III A – Scuola Infanzia “C. Collodi” – Istituto Comprensivo Polo 3 di Nardò (LE)

La storia esprime situazioni che i bambini e le insegnanti della scuola materna vivono quotidianamente: l’accoglienza, le risposte alle richieste speciali, la promozione dell’autonomia, il riconoscere le paure. Il piccolo Tenerino ci conferma che tutti possiamo essere eroi.

  • TANTE STORIE UN SOLO LIETO FINE della Classe IV B – Scuola Primaria – I.C.

Quattro bambini raccontano il loro difficile inserimento nella nuova classe. Le quattro storie si intrecciano nell’attività di “giocooperiamo” e nella filastrocca finale dove le singole diversità diventano la ricchezza della classe.

  • AVVENTURA ALLO ZOO della Classe II A S.P.- Scuola Primaria – I.C. “Piazza Forlanini” – Roma

Due amici con caratteristiche fisiche opposte vanno allo zoo. Il più piccolo riuscirà a salvare l’altro dalle fauci dei lupi. L’eroismo del bambino che sembra inadatto è il tema di un racconto classico e ben strutturato.

  • PICCOLISSIMO ME della Classe IV C – Scuola Primaria “Francesco Querini” – Mestre

Le considerazioni dei bambini sul libro compongono un ritratto originale, libero e irriverente di una classe di quarta primaria. Pur non essendo un racconto la commissione ha apprezzato l’attenzione riservata ai pensieri dei bambini.

 

Per la Sezione S3 – Manufatto ha vinto:

  • la classe dei bambini di 4 anni della Scuola dell’Infanzia “J. Da Gorzano” Istituto Comprensivo «Ferrari» – Maranello (MO) con IL CAPPELLO QUASI MAGICO

Il cappello risulta realizzato con varie stature di bambini, alti e bassi mettendo in evidenza la differenza di altezza non discriminante per giocare e condividere armoniosamente il gioco, un sorriso, la vita… La parte centrale del cappello avvalora ancor di più la tematica di Piccolissimo me in quanto si allunga e si accorcia in caso di necessità, come Missis Black cambiava cappello a seconda della situazione.”

 

Si ringraziano di cuore tutti i Bambini e le loro Insegnanti per l’impegno dedicato alla realizzazione di veri capolavori, tutti i Genitori e i Direttori di Istituto che hanno permesso questo percorso educativo.

Un cordiale saluto a tutti con l’augurio che tutte le scuole continuino a preparare adeguatamente i bambini nell’affrontare la vita con gli strumenti necessari.

Cinzia Sacchetti – Presidente A.Fa.D.O.C. onlus

 

Scarica la lettera con i risultati del concorso >

Clicca per informazioni sul concorso >

Eccovi un po’ di foto: